Otoplastica

OTOPLASTICA

Le orecchie a sventola, dette anche orecchie ad ansa, sono un difetto congenito che colpiscono circa il 1% della popolazione mondiale, pari a circa quindi 100 milioni di persone in tutto il mondo.

L’otoplastica, nota più comunemente come chirurgia estetica delle orecchie, è una procedura chirurgica che consente di modificare la forma, le dimensioni e l’attaccatura delle orecchie migliorando l’armonia del viso e il proprio senso di autostima. Più esattamente l’otoplastica consente di riposizionare e rimodellare le orecchie prominenti (cosiddette orecchie “a ventola”, “a sventola” o “ad ansa”) e di correggere difetti presenti dalla nascita o post-traumatici (mancanza o perdita parziale o completa dell’orecchio, orecchie troppo piccole o troppo grandi, lobo troppo largo o troppo lungo, ecc.)

Le tecniche operative, con cui si può svolgere l’otoplastica, sono principalmente due:

  • Otoplastica mediante incisione
  • Otoplastica senza incisione, o incisionless

Negli adulti, l’otoplastica è considerata un intervento di chirurgia ambulatoriale, in quanto si esegue in anestesia locale e non richiede il ricovero ospedaliero post-intervento.

Nei bambini, invece, le cose sono leggermente diverse: è prevista l’anestesia generale, ovvero la completa incoscienza del paziente, e il ricovero di un giorno a motivo precauzionale.